.
Annunci online

 
Nichilismo 
molto "Nich" e poco "ilismo"...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  LaFabbrica
Nofx
Mecheros
CrancyCrock
GF's Version
Nicoblog
Cinematografo
Ritorno al Futuro
Midnight Cafè
Biblioceca
PaoloBorrello
CapoLamellare
  cerca

LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CHE ENTRATE


 

Diario | Cultura | Politica | Sport | Cinema e letteratura | Musica | Amici | Blog Intrusion | Varie ed eventuali | Fantacalcio | Pierino Ghezzi |
 
Diario
1visite.

2 marzo 2009

FORREST GUMP + DIRTY DANCING = BENJAMIN BUTTON

Proprio curioso "Il curioso caso di Benjamin Button" (guarda il trailer). Già perchè è incredibile come un film originale e irriverente possa passare ad essere una lania mortale. E' per questo motivo che anche la mia analisi sarà strutturata sulla base della distinzione degli elementi positivi e quelli negativi.

Elementi positivi: idea estremamente originale, costumi e sceneggiatura eccellenti, trovate alquanto esilaranti, riflessione generale sul senso della vita assai stimolante, personaggi interessanti

Elementi negativi: lentezza esasperante, preponderanza eccessiva di dialoghi, Brad Pitt assolutamente inadatto al personaggio, storia d'amore romantica e travagliata tramutata in volgare banalità, narrazione affidata a una vecchia morente

Insomma, se la prima metà abbondante del film si merita un bel 7,5 la seconda scade precipitosamente in un 4 pieno. Voto finale, per forza di cose, 5,5

A tutto ciò va evidenziata la profonda somiglianza del film con il mitico "Forrest Gump". Protagonista ingenuo, "diverso" e profondamente buono che si imbatte nelle principali trasformazioni della società americana (e non). Figura femminile in stile Jenny, trasgressiva e libertina. Mamma dolce e affettuosa proprietaria di una casa dove passano svariati personaggi che segnano la vita del protagonista. Buba versione pigmeo. Tenente Dan traslato nel capitano/artista che, nonostante la sua stravaganza, lega con il protagonista fino a diventarne un punto di riferimento. Elemento dell'impresa presente in entrambi i film (la folle corsa di Forrest e la traversata a nuoto della Manica in "Benjamin"). Barche e paesaggi marini spesso in primo piano.
Magari qualche collegamento è un po' forzato ma nel complesso le similitudini sono evidenti.
La cosa in sè non è neanche negativa, se non fosse che poi il film diventa in stile "Dirty Dancing".
Ora, non so se ho sviluppato una recondita avversione per i film che piacciono a Gio per puro spirito provocatorio. Resta il fatto che per me il film è insufficiente. Peccato perchè mi aveva convinto del contrario.

sfoglia
febbraio        aprile